Sfatiamo il mito del caffè lungo

con Nessun commento

Spesso si sente un cliente ordinare un caffè dicendo:

“un caffè per favore, un po’ LUNGO….che già ne ho già presi troppi..”

Ma è davvero così ? Un caffè, se preso più lungo, davvero è più leggero ?

ASSOLUTAMENTE NO !!!

Perchè allora sono sempre in tanti a pensarla in questo modo ?

Quando beviamo un espresso, coinvolgiamo maggiormente uno dei nostri cinque sensi: il gusto.

Un amante del buon caffè, in realtà, ogni volta che ne beve uno compie quasi un rituale. Coinvolge ben altro che il solo “gusto” nel godersi la bevanda, ma questo sarà un approfondimento di cui parleremo in un altro articolo.

In genere un consumatore, come dicevamo pocanzi, attraverso “il gusto” percepisce la bevanda avvertendone le particolarità.

E’ per questo motivo che un caffè lungo viene ritenuto più leggero e meno carico.

Ma la realtà è ben diversa, …perchè è l’esatto contrario !!!

Quando si prepara un espresso si riempie di caffè macinato il filtro che sta nel braccetto e, dopo una buona pressatura, lo si aggancia alla macchina e si avvia l’estrazione.

E’ in questo momento che va focalizzata l’attenzione.

Una volta avviata l’erogazione, un flusso di acqua bollente attraversa il caffè macinato e trascina con sè tutte le microparticelle ed i composti idrosolubili (tra cui la caffeina) che incontra sul suo cammino.

PIU’ TEMPO L’ACQUA BOLLENTE RESTA A CONTATTO CON LA POLVERE DI CAFFE’ (ATTRAVERSANDOLA) PIU’ SOSTANZE RIESCE A PORTAR GIU’ CON SE’ IN TAZZA.

Facciamo un passo indietro, prima parlavamo di GUSTO.

E’ in virtù di questo che molti consumatori, basandosi su ciò che percepiscono in bocca, ritengono che un caffè più lungo sia meno corposo, più acquoso, di intensità inferiore e quindi “PIU’ LEGGERO”.

Effettivamente se assaggiamo un caffè ristretto lo sentiamo più cremoso, denso, palpabile e concentrato. Lo percepiamo come un condensato di aromi, forti e decisi. Siamo portati a pensare ad un contenuto più elevato di sostanze eccitanti. Ma non è così.

…basandoci sugli aspetti tecnico-chimici illustrati precedentemente dissipiamo ogni dubbio una volta per tutte:

“Un caffè LUNGO contiene sostanze disciolte in percentuali MOLTO più elevate rispetto ad un espresso normale o ad un ristretto dall’aspetto più concentrato e vellutato, e dalle note più intense e gustose”.

Ne consegue quindi che, nonostante l’aspetto più acquoso, un caffè LUNGO è molto più carico di caffeina e di sostanze stimolanti”.

….se consumate diverse tazzine di caffè al giorno, e non volete sovraccaricare il vostro organismo, accettate un consiglio: “ordinate un Ristretto e godetevelo fino in fondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *