Un caffè tanto pregiato quanto discusso: il “Kopi Luwak”

con Nessun commento

neroro-caffe-kopiIl Kopi Luwak è un caffé salito ultimamente agli onori delle cronache. Di fatto si tratta di un caffé fatto con chicchi che sono stati ingeriti e quindi defecati da un piccolo animaletto, il Luwak appunto (che in tanti chiamano “zibetto”). Nelle filippine il nome Kopi significa Caffè, mentre Luwak è il nome di questo roditore (che scientificamente si chiama Paradoxurus Hermaphroditus) che prevede nella sua normale alimentazione, oltre a insetti, uova e altri frutti anche le bacche di caffé.

Non venendo digeriti, i semi vengono espulsi. Il miracolo sembra che avvenga nello stomaco dell’animale, dove gli enzimi “rompono” le proteine superficiali dei chicchi donando loro un particolare sapore dolce.

Questo processo è ormai sfruttato commercialmente e i Luwak, allevati allo scopo, defecano il caffé in apposite “latrine” preparate nelle loro gabbie (e quindi molto opportunamente lavato!)
Sul reale valore commerciale di questo caffé si continua a discutere, e anche sul suo aspetto etico. Di fatto esso è tra i più cari al mondo, insieme al Black Ivory Coffee. Si ha notizia di una caffetteria in Australia che lo vende a 48 dollari la tazzina, vendendone circa 4 tazze a settimana; in un altro coffee shop di Londra viene proposto un blend di Kopi Luwak e Jamaica Blue Mountain venduto a più di 50€…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *